News

Pubblicato il 12 ottobre 2021

Vertice UE-Ucraina: avanti insieme

politiche-unione-europea-07-euroconsulting

In occasione del 23º vertice UE-Ucraina tenutosi a Kiev, l’Unione europea e l’Ucraina hanno oggi ribadito il loro solido partenariato e il loro impegno a rafforzare l’associazione politica e l’integrazione economica dell’Ucraina con l’Unione europea.

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel e l’Alto rappresentante/Vicepresidente della Commissione europea Josep Borrell hanno rappresentato l’Unione europea accanto al Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy. L’Unione europea e l’Ucraina hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che illustra il fitto programma bilaterale.

La Presidente Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Per l’Unione europea le relazioni con l’Ucraina sono della massima importanza. Insieme abbiamo costruito un partenariato speciale, basato sulla solidarietà e sull’amicizia reciproche. Nel comune impegno a rafforzare l’associazione politica e l’integrazione economica dell’Ucraina con l’Unione europea, abbiamo compiuto progressi in molti settori. Continueremo a lavorare insieme sulle opportunità offerte dalla nostra associazione che non sono ancora sfruttate. Insieme al mantenimento dell’unità in materia di sanzioni, ciò dimostra l’impegno dell’UE nei confronti dell’Ucraina, un impegno che resta risoluto”.

L’Alto rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell ha aggiunto: “L’UE è il partner strategico più forte e più affidabile dell’Ucraina. In occasione del vertice odierno ribadiamo anche il costante sostegno politico dell’UE alla sovranità e all’integrità territoriale del paese, nonché la politica di non riconoscimento dell’annessione illegale della Crimea. L’UE continuerà a sostenere con determinazione l’attuazione degli accordi di Minsk”.

Le dichiarazioni complete rilasciate dalla Presidente von der Leyen in occasione della conferenza stampa congiunta sono disponibili su questo sito.

A margine del vertice, l’Unione europea e l’Ucraina hanno progredito in una serie di settori chiave della cooperazione, con tre nuovi importanti accordi.

Firma di un accordo fondamentale nel settore del trasporto aereo

L’Unione europea e l’Ucraina hanno firmato un accordo globale sul trasporto aereo che apre la strada a uno “spazio aereo comune” tra le due parti, basato su elevate norme comuni in settori importanti quali la sicurezza aerea e la gestione del traffico aereo. L’accordo promuoverà l’accesso al mercato e offrirà nuove opportunità ai consumatori e alle compagnie aeree di entrambe le parti.

L’Ucraina è un mercato dell’aviazione sempre più importante per l’Unione europea: nel 2019 era il 13º mercato extra UE, con 9,8 milioni di passeggeri. Negli ultimi anni il trasporto aereo di passeggeri e merci tra l’Ucraina e l’UE è cresciuto costantemente. Questa tendenza si è interrotta solo durante la crisi della COVID.

L’accordo firmato oggi mira ad aprire gradualmente i rispettivi mercati dell’aviazione e a integrare l’Ucraina in un più ampio spazio aereo comune europeo. L’Ucraina continuerà ad allineare la sua legislazione alle norme e agli standard dell’UE in materia di aviazione in settori quali la sicurezza aerea, la gestione del traffico aereo, la sicurezza, l’ambiente, la regolamentazione economica, la concorrenza, la protezione dei consumatori e gli aspetti sociali.

L’accordo odierno dovrebbe offrire nuove opportunità di trasporto aereo, collegamenti più diretti e vantaggi economici per entrambe le parti:

  • tutte le compagnie aeree dell’UE potranno effettuare voli diretti da qualsiasi paese dell’UE verso qualsiasi aeroporto in Ucraina e le compagnie ucraine potranno fare lo stesso verso gli aeroporti dell’UE;
  • saranno abolite tutte le limitazioni e le restrizioni sui voli tra l’Ucraina e l’UE e le disposizioni in materia di concorrenza aperta e leale garantiranno condizioni di parità.

L’accordo agevolerà i contatti interpersonali e amplierà le opportunità commerciali e gli scambi tra l’UE e l’Ucraina. Sarà inoltre uno strumento prezioso per l’attuazione dell’accordo di associazione UE-Ucraina e, in particolare, della zona di libero scambio globale e approfondito.

L’accordo dev’essere ratificato da entrambe le parti prima di entrare formalmente in vigore, ma inizierà ad applicarsi a partire dalla firma odierna.

Associazione dell’Ucraina a Orizzonte Europa

Il vertice ha inoltre offerto l’opportunità di concludere l’associazione dell’Ucraina a Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell’UE per il periodo 2021-2027, e al programma Euratom di ricerca e formazione per il periodo 2021-2025. I ricercatori e gli innovatori ucraini possono ora partecipare a questi due programmi, con un bilancio rispettivamente di 95,5 e 1,38 miliardi di EUR, alle stesse condizioni delle entità degli Stati membri dell’UE. Questa cooperazione nei settori della scienza, della ricerca e dell’innovazione rafforza ulteriormente l’alleanza tra l’UE e l’Ucraina per realizzare priorità comuni, come la duplice transizione verde e digitale. Orizzonte Europa è uno dei principali strumenti che permettono di attuare la strategia europea per la cooperazione internazionale: l’approccio globale dell’Europa alla cooperazione in materia di ricerca e innovazione. Il programma è aperto a ricercatori e innovatori di tutto il mondo, che possono collaborare con i partner dell’UE nella preparazione delle proposte.

Associazione dell’Ucraina a Europa creativa

Durante il vertice è stata inoltre finalizzata l’associazione dell’Ucraina a Europa creativa, il programma dell’UE a favore dei settori culturali e creativi per il periodo 2021-2027. Il nuovo programma Europa creativa continua a sostenere e promuovere il patrimonio culturale, la creatività, l’internazionalizzazione, la professionalizzazione, l’innovazione e la competitività dei settori culturali e creativi. Le organizzazioni culturali e creative ucraine possono ora partecipare al programma faro dell’Europa, da 2,44 miliardi di EUR, alle stesse condizioni delle entità degli Stati membri dell’UE.

FONTE: COMMISSIONE EUROPEA