News

Pubblicato il 19 luglio 2021

Comunicazione della Commissione europea sulla Strategia Forestale dell’UE per il 2030

produzione-legname-euroconsulting

La Commissione europea ha presentato il 16 luglio la comunicazione sulla Strategia Forestale dell’UE per il 2030. Il testo adottato rappresenta un’iniziativa faro del Green Deal europeo che si basa sulla strategia dell’UE per la biodiversità per il 2030. La strategia intende contribuire al pacchetto di misure proposte per ottenere riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 e raggiungere la neutralità climatica nel 2050. Inoltre, intende sostenere l’UE nel mantenimento dell’impegno a migliorare la rimozione del carbonio da parte dei pozzi naturali, come previsto nella Legge europea sul clima. Tenendo conto degli aspetti sociali, economici ed ambientali, la nuova strategia forestale mira a garantire la multifunzionalità delle foreste dell’UE e sottolinea il ruolo centrale svolto dai proprietari e gestori forestali.

– Protezione, restauro e gestione sostenibile delle foreste

La nuova strategia forestale definisce una visione ed azioni concrete per aumentare la quantità e la qualità delle foreste nell’UE e rafforzarne la protezione, il ripristino e la resilienza. Le azioni proposte intendono aumentare il sequestro del carbonio attraverso l’aumento dei pozzi e degli stock, contribuendo così alla mitigazione dei cambiamenti climatici. La strategia si impegna a proteggere rigorosamente le foreste primarie, a ripristinare le foreste degradate e a garantire che siano gestite in modo sostenibile, per preservare i servizi ecosistemici vitali forniti dalle foreste e da cui dipende la società. La strategia promuove le pratiche di gestione forestale più rispettose del clima e della biodiversità, sottolinea la necessità di mantenere l’uso della biomassa legnosa entro i limiti della sostenibilità ed incoraggia l’uso efficiente del legno quale risorsa.

– Garantire la multifunzionalità delle foreste dell’UE

La strategia prevede, inoltre, lo sviluppo di regimi di sostegno per i proprietari ed i gestori forestali per la fornitura di servizi ecosistemici alternativi, ad esempio mantenendo intatte parti delle loro foreste. La nuova PAC rappresenterà un’opportunità per un sostegno più mirato per lo sviluppo sostenibile delle foreste. La nuova struttura di governance per le foreste creerà uno spazio più inclusivo per gli Stati membri, i proprietari ed i gestori di foreste, l’industria, il mondo accademico e la società civile per discutere del futuro delle foreste nell’UE. Infine, la nuova strategia forestale annuncia l’adozione di una proposta legislativa volta ad intensificare il monitoraggio, la rendicontazione e la raccolta dei dati nelle foreste dell’UE. La raccolta armonizzata dei dati dell’UE, combinata con la pianificazione strategica a livello degli Stati membri, fornirà un quadro completo dello stato, dell’evoluzione e dei previsti sviluppi futuri delle foreste nell’UE. Ciò è fondamentale per garantire che le foreste possano mantenere le loro molteplici funzioni per il clima, la biodiversità e l’economia. La strategia è accompagnata da una tabella di marcia per piantare tre miliardi di alberi aggiuntivi in tutta Europa entro il 2030, nel pieno rispetto dei principi ecologici. La tabella include 7 milestones con azioni dettagliate con scadenza nel 2022.

Le foreste forniscono un contributo essenziale nella lotta contro il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità, funzionando come pozzi di assorbimento del carbonio e grazie alla loro capacità di ridurre gli impatti del cambiamento climatico, ad esempio mediante la protezione dalle forti inondazioni e la riduzione dell’impatto della siccità. Le foreste rappresentano ecosistemi preziosi, che ospitano gran parte della biodiversità europea. I loro servizi ecosistemici contribuiscono alla salute ed al benessere attraverso la regolamentazione delle acque, la fornitura di medicinali e materiali, la riduzione ed il controllo del rischio di catastrofi, la stabilizzazione ed il controllo dell’erosione del suolo, la purificazione dell’aria e dell’acqua.