Pubblicato il 3 aprile 2020

Commissione europea: approvato regime di aiuto danese nell’ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia per affrontare l’emergenza COVID-19

politiche-unione-europea-18-euroconsulting

La Commissione europea ha approvato un regime di aiuti di Stato della Danimarca nell’ambito del quadro temporaneo di aiuti di Stato a sostegno dell’economia nel contesto dell’epidemia COVID-19. Di seguito i dettagli.

Caso SA.56856

La Commissione europea ha riscontrato che un meccanismo di prestito statale danese fino a 1,5 miliardi di DKK (circa € 200 milioni) a sostegno del Fondo di garanzia per i viaggi (“Rejsegarantifonden”) è conforme alle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato. Il prestito è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo di aiuti di Stato a sostegno dell’economia nel contesto dell’epidemia COVID-19 adottata dalla Commissione il 19 marzo 2020. La Danimarca ha notificato alla Commissione una misura di aiuto sotto forma di prestito statale nell’ambito del quadro temporaneo. Il prestito mira a sostenere il fondo di garanzia di viaggio, che prevede il rimborso ai viaggiatori in caso di annullamento del viaggio. In particolare, la misura riguarda i pacchetti di viaggio che sono stati annullati a causa di circostanze eccezionali causate dall’epidemia di coronavirus e delle successive restrizioni di viaggio imposte dal governo danese. Il prestito mira (i) a garantire la disponibilità di liquidità sufficiente per gli organizzatori di viaggi per contrastare il danno inflitto nel mercato dei pacchetti turistici, (ii) per preservare la continuità dell’attività economica durante e dopo l’epidemia di coronavirus, e (iii) per garantire il regolamento più rapido possibile di rimborsi o rimborsi relativi ai viaggiatori. La misura ha un budget totale di 1,5 miliardi di DKK (circa € 200 milioni). La Commissione ha riscontrato che la misura danese è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, l’importo del prestito è progettato per coprire il fabbisogno di liquidità del Fondo per il prossimo futuro. Il contratto di prestito sarà firmato fino alla fine di quest’anno e la durata del prestito sarà di 6 anni. Inoltre, la Danimarca garantirà che il prestito al Fondo sarà interamente dedicato al rimborso dei contratti di viaggio annullati a causa dell’epidemia di coronavirus. La misura fornirà quindi certezza ai consumatori interessati i cui viaggi sono stati interrotti durante la pandemia. La Commissione ha pertanto concluso che la misura contribuirà a gestire l’impatto economico dell’epidemia di coronavirus in Danimarca. È necessario, opportuno e proporzionato porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.