Pubblicato il 24 marzo 2020

COMAGRI: richiesta per un ulteriore sostegno a favore degli agricoltori e per garantire l’approvvigionamento di prodotti alimentari

agricoltura

In due lettere separate indirizzate al Commissario per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale Janusz Wojciechowski ed al Ministro dell’Agricoltura della Croazia Marija Vučković, il Presidente della commissione parlamentare per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale, Norbert Lins (PPE, Germania) ha accolto con favore le azioni intraprese finora dalla Commissione europea, che consentono agli Stati membri di concedere agli agricoltori una proroga nella presentazione delle domande di pagamento nell’ambito della PAC nonché di concedere aiuti di Stato nell’ambito del Quadro Temporaneo ma ha chiesto con urgenza l’adozione di ulteriori misure per evitare interruzioni nella fornitura di prodotti alimentari. L’UE ha bisogno di ulteriori misure per garantire l’approvvigionamento continuo di cibo per i cittadini e sostenere gli sforzi degli agricoltori a tal fine, ha affermato lunedì il presidente della commissione per l’agricoltura.

circolazione transfrontaliera di mangimi e prodotti fitosanitari per l’agricoltura
massima flessibilità agli stati dell’UE per alleviare l’impatto della pandemia
misure urgenti per sostenere il mercato e combattere le speculazioni

“Gli agricoltori europei non solo lottano per continuare il loro lavoro quotidiano, ma ancor di più affrontano difficoltà sempre maggiori per accedere ai mezzi di produzione e consegnare i loro prodotti ai consumatori europei. Questa grave situazione richiede un’azione urgente “, ha sottolineato Lins. “I nostri agricoltori che sono in prima linea per mantenere l’approvvigionamento alimentare ai cittadini di tutta Europa, garantendo così la sicurezza alimentare dell’UE in questi tempi difficili, stanno aspettando azioni decisive ed efficaci per alleviare l’impatto di questa crisi”, ha affermato.

Lins ha espresso compiacimento per gli sforzi della Commissione volti a mantenere la libera circolazione delle merci nel mercato interno, ma ha insistito sul fatto che ciò non è sufficiente. “Chiediamo alla Commissione di fare un ulteriore passo avanti, non solo consentendo ai prodotti alimentari di oltrepassare i confini attraverso le” corsie verdi “, ma consentendo anche input essenziali, quali mangimi, fertilizzanti e prodotti fitosanitari, nonché ingredienti e materiali per l’agro- settore industriale per consentire loro di continuare a fornire i loro beni fondamentali ai consumatori europei “, ha affermato.

La Commissione europea dovrebbe elaborare strategie che “semplifichino il più possibile le procedure [amministrative] garantendo al contempo la massima flessibilità agli Stati membri” e “sostengano i settori più colpiti” e combattano la speculazione del mercato, ha affermato Lins. Ha inoltre invitato l’esecutivo e gli Stati membri dell’UE a trovare modi per consentire una sorta di movimento transfrontaliero per i lavoratori stagionali durante la stagione del raccolto, anche se le restrizioni di viaggio sono ancora in vigore, per garantire che i prodotti possano raggiungere il mercato e il cibo le carenze sono evitate.

sfondo

A seguito dell’epidemia di COVID-19, la Commissione europea ha consentito agli Stati membri di offrire una proroga di un mese per la scadenza affinché gli agricoltori presentino le loro domande di pagamenti diretti e determinati pagamenti nell’ambito dello sviluppo rurale.

L’esecutivo dell’UE ha inoltre adottato un quadro temporaneo che consente agli Stati dell’UE di utilizzare la piena flessibilità prevista dalle norme dell’UE in materia di aiuti di Stato per sostenere la propria economia. Ciò dovrebbe garantire la disponibilità di liquidità sufficiente per le imprese di tutti i tipi, comprese le aziende agricole, e preservare la continuità della loro attività economica durante e dopo l’epidemia di COVID-19.