News

Pubblicato il 4 ottobre 2019

Audizione del Commissario designato per l’Ambiente e gli Oceani Virginijus Sinkevičius (Parlamento europeo, 3 ottobre 2019)

european-commission-90c89e5c89

Si è svolta ieri, 3 ottobre 2019, l’audizione del Commissario designato per l’Ambiente e gli Oceani Virginijus Sinkevičius, dinanzi ai deputati delle commissioni parlamentari per la Pesca e per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare.

Durante il suo discorso introduttivo, il candidato Sinkevičius ha elencato tre priorità in materia ambientale: biodiversità, economia circolare e zero inquinamento. Si è espresso a favore del raggiungimento dell’accordo sul clima di Parigi, ed ha proposto di estendere le politiche dell’economia circolare a nuovi settori, come quello dell’alimentazione. Per combattere l’inquinamento, si concentrerà sulle sostanze chimiche pericolose, gli interferenti endocrini, nonché sul deflusso di sostanze nutritive, prodotti farmaceutici e microplastiche nell’acqua.

Per quanto riguarda la Pesca, Sinkevičius ha dichiarato l’impegno ad attuare pienamente la PCP, ed ha aggiunto che l’UE deve rimanere un leader globale per la pesca sostenibile e la governance degli oceani. Ha inoltre sottolineato l’importanza di salvaguardare gli oceani per garantire stock ittici sani e fiorenti comunità di pescatori. Le questioni relative alla pesca hanno rimandato inoltre all’accordo auspicato per l’accesso reciproco alle acque ed alle risorse in caso di Brexit, occupazione e questioni giovanili per le piccole comunità di pescatori, piani di pesca pluriennali, nonché il futuro FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca).

I deputati hanno sollevato alcune domande su come le politiche ambientali dell’UE possano migliorare il ruolo delle foreste, tutelare le riserve di biodiversità, affrontare l’inquinamento atmosferico creato dall’agricoltura e dall’industria, oltre a diminuire l’inquinamento da plastica.

Sulla base delle raccomandazioni delle commissioni, la Conferenza dei Presidenti deciderà il 17 ottobre. La Plenaria voterà sulla totalità della Commissione il 23 ottobre, a Strasburgo.