Pubblicato il 11 giugno 2019

Sondaggio Eurobarometro sulla sicurezza alimentare

sicurezza-alimentare-03-euroconsulting

Durante la prima giornata mondiale della sicurezza alimentare, l’EFSA ha pubblicato i risultati di un nuovo sondaggio Eurobarometro sulla sicurezza alimentare, sviluppato in collaborazione con gli Stati membri dell’UE. (cfr. news Euroconsulting del 7 giugno 2019).

Dall’indagine, la prima sul tema dal 2010, è emerso che per la maggior parte degli europei la sicurezza degli alimenti è solo uno dei tanti fattori che, insieme al prezzo, al gusto, alla componente nutrizionale e all’origine dell’alimento, influenzano le abitudini e scelte alimentari.

I risultati mostrano che i cittadini europei hanno un alto livello di conoscenza dei temi che riguardano la sicurezza alimentare e che molti di essi hanno cambiato il proprio comportamento dopo aver ricevuto informazioni sull’argomento.

In particolare vi sono tre preoccupazioni, già individuate dal sondaggio del 2010, che continuano ad emergere con maggior frequenza nella maggior parte degli Stati membri dell’UE: l’uso improprio degli antibiotici, ormoni e steroidi negli animali da allevamento, i residui di pesticidi negli alimenti e gli additivi alimentari.

Tuttavia, rispetto al 2010 è emersa una minore preoccupazione dei cittadini europei sulla questione OGM (organismi geneticamente modificati), e una maggiore attenzione su nuove questioni come ad esempio le microplastiche.

In merito al sondaggio, il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha dichiarato che i risultati incoraggiano a continuare il lavoro per garantire che gli elevati standard europei siano mantenuti e per cercare di raggiungere modelli produttivi e di consumo più sostenibili.

Il Commissario ha poi sottolineato la necessità di aumentare la trasparenza e di creare fiducia intorno al sistema europeo di sicurezza alimentare, soprattutto in relazione al fenomeno delle “fake news”.

Il report completo del sondaggio Eurobarometro è consultabile a questo link, in inglese. Mentre i risultati del sondaggio in Italia sono consultabili qui.