Pubblicato il 10 maggio 2019

Commissione europea: consultazione pubblica sulla modifica delle vigenti norme UE in materia di aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura

pesca01-euroconsulting

La Commissione europea ha recentemente aperto tre consultazioni pubbliche per valutare e rivedere il quadro giuridico UE attualmente in vigore per la concessione di aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

Nello specifico, le consultazioni pubbliche hanno l’obiettivo di raccogliere le opinioni delle parti interessate in merito alle seguenti basi giuridiche UE:

  • il Regolamento (UE) n.1388/2014 della Commissione che dichiara compatibili con il mercato interno, in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, alcune categorie di aiuti a favore delle imprese attive nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura (regolamento di esenzione per categoria applicabile al settore della pesca e dell’acquacoltura);
  • il Regolamento (UE) n.717/2014 della Commissione relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis» nel settore della pesca e dell’acquacoltura (regolamento de minimis nel settore della pesca e dell’acquacoltura);
  • gli Orientamenti per l’esame degli aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

Il regolamento de minimis ed il regolamento di esenzione nel settore della pesca e dell’acquacoltura cesseranno di essere applicabili il 31 dicembre 2020, pertanto l’obiettivo della Commissione europea è quello di definire le norme applicabili successivamente per garantire una continuità nella gestione degli aiuti di Stato ed evitare qualsiasi vuoto normativo. La Commissione europea, in particolare, valuterà che le norme in vigore abbiano raggiunto gli obiettivi stabiliti e che quelle future siano conformi alle norme che regoleranno il nuovo FEAMP per il periodo 2021-2027 (Fondo europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca). Per quanto riguarda gli orientamenti, l’iniziativa ha lo scopo di garantirne l’allineamento con i nuovi regolamenti de minimis e di esenzione nel settore della pesca e dell’acquacoltura, nonché con il nuovo quadro giuridico sul FEAMP.

A conclusione del periodo di consultazione, la Commissione europea svolgerà una valutazione delle opinioni raccolte e procederà all’avvio della modifica del quadro giuridico UE sugli aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

Le consultazioni pubbliche rimarranno aperte fino al 30 maggio 2019 e saranno accessibili, previa creazione di un account, tramite i seguenti link:

Di seguito è possibile consultare le roadmap / inception impact assessment della Commissione europea sulla revisione del quadro giuridico UE in materia di aiuti di Stato nel settore della pesca e dell’acquacoltura, in inglese: