Pubblicato il 16 ottobre 2018

Crisi del settore dello zucchero: la Commissione europea ha respinto la richiesta italiana di concedere aiuti all’ammasso privato ai produttori

zucchero-produzione-vegetale-07-euroconsulting

Durante la riunione del Consiglio Agricoltura di ieri, il Ministro per le Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, ha presentato alla Commissione europea la richiesta di attivare le misure a disposizione nell’ambito dell’OCM unica, in particolare la concessione di un aiuto all’ammasso privato, in favore dei produttori di zucchero colpiti dalla crisi dei prezzi dopo la fine del regime delle quote nel settembre 2017, nonchè di valutare l’opportunità di attivare altre misure eccezionali.

Il Commissario per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale, Phil Hogan, ha respinto la richiesta avanzata dalla delegazione italiana, in ragione del fatto che l’aiuto all’ammasso privato rappresenterebbe uno strumento inefficace e con un forte impatto sul bilancio dell’UE, e non avrebbe alcun effetto sulla stabilizzazione dei prezzi dello zucchero.

Ad un anno dalla fine del regime delle quote, il settore dello zucchero nell’UE ha subito gravi perdite, dovute all’aumento della produzione e ad una conseguente riduzione dei prezzi, più accentuata rispetto alle previsioni della Commissione europea.

Le delegazioni a favore della richiesta italiana sono state quelle di Croazia, Spagna, Ungheria, Polonia, Belgio, Grecia, Romania, Repubblica Ceca e Slovacchia. Le delegazioni che si sono opposte, invece, sono state quelle di Olanda, Danimarca e Germania. La Francia si è astenuta.

La nota informativa della delegazione italiana è disponibile qui, in inglese.