Pubblicato il 3 agosto 2018

Reg. delegato (UE) 2018/1096 della Commissione: modifica del Reg. (UE) n. 29/2012 con riguardo ai requisiti per talune indicazioni di etichettatura dell’olio d’oliva

olio-oliva-extravergine-euroconsulting

È stato pubblicato oggi sulla GUUE il Regolamento delegato (UE) 2018/1096 della Commissione, del 22 maggio 2018, che modifica il regolamento (UE) n. 29/2012 con riguardo ai requisiti per talune indicazioni di etichettatura dell’olio d’oliva.

A norma dell’art. 5 del Reg. di esecuzione (UE) n. 29/2012 della Commissione, gli operatori hanno la possibilità di riportare diverse indicazioni facoltative sull’etichetta degli oli d’oliva e degli oli di sansa d’oliva, a determinate condizioni. In particolare, sull’etichetta può figurare l’acidità, a condizione che vengano indicati anche determinati parametri fisico-chimici (indice dei perossidi, tenore di cere e assorbimento nell’ultravioletto). Con l’obiettivo di non indurre in errore i consumatori, il valore dei parametri fisico-chimici, se indicato sull’etichetta, deve corrispondere al valore massimo che tali parametri potrebbero raggiungere al termine minimo di conservazione.

Inoltre, al fine di fornire ai consumatori ulteriori informazioni sull’età di un olio d’oliva, gli Stati membri dovrebbero essere autorizzati a rendere obbligatoria l’indicazione della campagna di raccolta. Tuttavia, con l’obiettivo di non perturbare il funzionamento del mercato unico, tale indicazione obbligatoria deve essere limitata alla produzione nazionale, ottenuta da olive raccolte sul loro territorio e destinate esclusivamente ai mercati nazionali.

Il regolamento entrerà in vigore il 6 agosto 2018 ed è consultabile qui.