Pubblicato il 10 luglio 2018

Reg. delegato (UE) 2018/968 della Commissione: integrazione del Reg. (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le valutazioni dei rischi in relazione alle specie esotiche invasive

piante invasive

È stato pubblicato oggi sulla GUUE il Regolamento delegato (UE) 2018/968 della Commissione, del 30 aprile 2018, che integra il regolamento (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le valutazioni dei rischi in relazione alle specie esotiche invasive.

Le specie esotiche invasive costituiscono una grave minaccia ambientale, ma non tutte sono oggetto di studi ugualmente approfonditi. Qualora una specie non sia presente nell’area della valutazione dei rischi o sia presente solo in quantità limitate, le informazioni su di essa potrebbero mancare o essere incomplete. Nel momento in cui si raggiunge una conoscenza completa, la specie potrebbe essere già stata introdotta o essersi diffusa all’interno dell’area della valutazione dei rischi. Pertanto, la valutazione dei rischi dovrebbe poter tenere conto dell’assenza di conoscenze e di informazioni e far fronte al problema dell’elevato grado di incertezza per quanto riguarda le conseguenze di un’introduzione o diffusione della specie in questione.

Affinché la valutazione dei rischi possa fornire una solida base scientifica e dati affidabili a sostegno del processo decisionale, tutte le informazioni in essa contenute, anche in relazione alla capacità di una specie di insediarsi e diffondersi nell’ambiente, ai sensi dell’art. 4, par. 3, let. b), del Reg. (UE) n. 1143/2014, dovrebbero essere suffragate dalle migliori prove scientifiche disponibili. Tale aspetto deve essere affrontato nella metodologia da applicare nella valutazione dei rischi.

Pertanto il Reg. 2018/968 ha provveduto a specificare la metodologia da applicarsi alla valutazione dei rischi.

Il regolamento entrerà in vigore il 30 luglio 2018 ed è consultabile qui.