News

Pubblicato il 14 maggio 2018

Il Consiglio ha adottato oggi un nuovo regolamento per migliorare la gestione dei terreni e delle foreste dell’UE e il loro impatto sull’ambiente e il clima

politiche-unione-europea-16-euroconsulting

Oggi, lunedì 14 maggio 2018, il Consiglio ha adottato il Regolamento relativo all’inclusione delle emissioni e degli assorbimenti di gas a effetto serra risultanti dall’uso del suolo, dal cambiamento di uso del suolo e dalla silvicoltura (LULUCF) nel quadro 2030 per il clima e l’energia, e recante modifica del regolamento (UE) n. 525/2013 e della decisione n. 529/2013/UE.

Tale regolamento mira a ridurre le emissioni di gas a effetto serra nel periodo 2021-2030 attraverso l’elaborazione di migliori strumenti di tutela e gestione dei terreni e delle foreste presenti nel territorio dell’UE, con il fine ultimo di raggiungere l’obiettivo, previsto dall’accordo di Parigi, di riduzione delle emissioni al 40% entro il 2030.

Il regolamento è stato adottato dopo un lungo iter: in conformità con le conclusioni del Consiglio europeo del 2014, per cui tutti i settori devono concorrere alla riduzione delle emissioni in vista del rispetto dell’accordo di Parigi, la Commissione europea aveva presentato le sue proposte nell’estate 2016 e solo a fine 2017, raggiunto un orientamento generale da parte del Consiglio “Ambiente”, sono stati avviati i negoziati con il Parlamento europeo.

Il regolamento prevede finanziamenti agli Stati membri affiché si impegnino ad utilizzare il suolo nel rispetto del clima, senza, peraltro, creare nuove restrizioni e oneri burocratici e, soprattutto, senza comportare obblighi per privati, agricoltori e silvicoltori.

Nello specifico, la nuova normativa:

  • prevede un impegno vincolante per ogni Stato membro e norme di contabilizzazione per determinare la conformità delle emissioni e degli assorbimenti generati;
  • modifica il Regolamento 525/2013 e la decisione 529/2013

Il regolamento dedica inoltre particolare attenzione alla CO2 generata dalla silvicoltura e dall’agricoltura, attività che invece, dovrebbero contribuire in modo fondamentale ad una politica sostenibile in materia di tutela dell’ambiente e del clima, perchè capaci di rimuovere CO2 dall’atmosfera: i dati infatti, testimoniano che le foreste presenti in UE sono in grado di assorbire, ogni anno, quasi il 10% di tutte le emissioni di gas a effetto serra dell’UE.

Il regolamento è consultabile qui e verrà a breve pubblicato sulla GUUE.