Pubblicato il 13 luglio 2017

Commissione europea: pubblicata la prima relazione del gruppo di esperti ad alto livello sulla finanza sostenibile

politiche-unione-europea-18-euroconsulting
Il gruppo di esperti ad alto livello sulla finanza sostenibile, istituito dalla Commissione europea, ha pubblicato la sua prima relazione (“Interim report to advice on developing a comprehensive EU strategy on sustainable finance“), in cui vengono definite le azioni concrete da attuare al fine di creare un sistema finanziario volto ad intraprendere investimenti sostenibili. La Commissione europea esplorerà i contenuti di alcune raccomandazioni iniziali per intraprendere ulteriori iniziative verso un’economia a basse emissioni di carbonio, che sia più efficiente e più sostenibile.

Nel marzo di quest’anno, in risposta ad un’interrogazione posta da un deputato del Parlamento europeo, il Vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha chiarito come l’UE sia stata in prima linea nell’impegno a costruire un sistema di finanza sostenibile. Nel 2015 sono stati conclusi accordi internazionali storici con l’adozione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dei relativi obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e l’accordo di Parigi sul clima (COP21). I suddetti impegni, la sensibilizzazione crescente circa la necessità di affrontare i cambiamenti climatici, nonché altri rischi in materia di degrado ambientale e sostenibilità richiedono una strategia efficace dell’UE sulla finanza sostenibile. La Commissione europea si è impegnata a compiere passi avanti su questa questione nella comunicazione del 14 settembre 2016 su una rapida attuazione dell’UE dei mercati di capitali. La Commissione europea ha istituito un gruppo di esperti ad alto livello incaricato di fornire, entro la fine del 2017, raccomandazioni per l’elaborazione di una strategia dell’UE trasversale e globale in materia di finanza sostenibile. Il gruppo di esperti ad alto livello ha il compito di riflettere su come riformare il quadro finanziario dell’UE al fine di indirizzare i capitali privati verso investimenti sostenibili, garantendo al tempo stesso la stabilità finanziaria. Il gruppo di esperti potrà anche esaminare come integrare i rischi ambientali in decisioni e politiche di investimento a sostegno di prodotti innovativi. Nel contribuire alla strategia dell’UE, il gruppo di esperti terrà conto degli attuali filoni operativi internazionali, quali il gruppo di studio del G20 sulla finanza verde e la task force sulle comunicazioni finanziarie legate al clima guidata dal Consiglio per la stabilità finanziaria (FSB). La Commissione europea ha, inoltre, proposto che, in futuro, almeno il 40% dei progetti finanziati a titolo del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) nell’ambito dello sportello relativo alle infrastrutture e all’innovazione contribuisca all’azione per il clima in linea con gli obiettivi della COP21. Ciò permetterà di realizzare il passaggio ad un’economia efficiente sotto il profilo delle risorse, circolare e a zero emissioni di carbonio.

La relazione è consultabile qui, in inglese.